Amstein SA

L’Antichità

Le prime apparizioni della birra risalgono al 4500 a.C. circa, in Mesopotamia. A quei tempi, la birra veniva preparata con una base di pane d'orzo o di spelta. Possiamo ritrovare tracce di storia della birra anche presso le popolazioni celtiche del Nord Europa. Secondo alcuni studiosi, le origini della birra risalgono a circa 7000 anni avanti Cristo.

La tecnica birraria più utilizzata all'epoca era quella basata sul pane di birra, che ritroveremo più avanti anche in Egitto. Questo pane veniva sbriciolato in un catino pieno d'acqua zuccherata. Le briciole maceravano e fermentavano nel giro di qualche giorno, trasformando una parte dell'acqua zuccherata in alcol. Questo liquido veniva poi filtrato e la divina bevanda veniva travasata in delle brocche.

cuisine egyptienne il modello in legno che rappresentano cucina egiziana, 2500 - 1800 aC. J.C.

Nonostante fossero presenti dei vigneti sul delta del Nilo nell'Egitto dei faraoni, la birra divenne senza alcun dubbio la bevanda nazionale degli egiziani, a tal punto che numerosi storici hanno pensato a un'esportazione delle tecniche birrarie egiziane verso la Gallia. Ma, in effetti, non è stato così, poiché i Galli seguivano i loro procedimenti per produrre quella che veniva chiamata “cervogia” o “birra d'orzo”. Vi sono tantissime testimonianze di ciò nel primo secolo dopo Cristo. Pare che i Celti, in particolare, avessero già scoperto la modernissima fase di “maltaggio”, ossia la preparazione del cereale mediante germinazione controllata.

I romani e i greci preferivano il vino alla birra, poiché la sua produzione era più semplice. I romani, comunque, contribuirono alla diffusione della nostra favolosa bevanda esportando l'orzo nelle aree in cui questo prodotto era ancora sconosciuto. Inoltre, poiché nelle regioni dell'Europa occidentale e settentrionale non si poteva coltivare la vite, i romani preferivano fare la birra. Sotto l'influenza dei romani, i Galli adottarono allora il tipo di birra che a quei tempi veniva definito cervogia. All'epoca erano le donne ad occuparsi della preparazione della cervogia. Ogni famiglia aveva quindi la sua propria birra e le ricette erano infinite.

Il maggior contributo dei Galli alla cultura birraria è rappresentato dall'invenzione della botte per la fermentazione e la maturazione e del barile per la conservazione e il trasporto.

Come i Galli, anche i Vichinghi furono grandi amatori della cervogia. Siamo tra l'VIII e l'XI secolo circa. Come tutte le “birre” di cui abbiamo parlato finora, la cervogia veniva preparata esclusivamente a base di malto. L’uso del luppolo si diffonderà solo molto più avanti. In generale, i Vichinghi producevano una cervogia aromatizzata al miele e/o alle erbe, che veniva definita Gruit. Il cereale veniva schiacciato mescolandolo con acqua e con delle erbe, all'interno di tronchi d'albero.

Questa dolce miscela veniva bevuta non solo perché dissetante, ma anche per cadere in trance con gli dei, la sera e prima dei combattimenti.

bere corno bere corno

Consegna

Consegna tramite posta

Swiss Post Amstein SA
Pagamento

Pagamento online sicuro

Postfinance Mastercard Visa
Aiuto/domande

Non esitate a contattarci telefonicamente al numero 021 943 51 81 o per e-mail scrivendo all'indirizzo info@amstein.ch Risponderemo a tutte le vostre domande

Amstein SA

Birrerie

/it/E-Shop/Birra/Produttori/Schlossbrauerei-Kaltenberg.html/it/E-Shop/Birra/Produttori/St-Feuillien.html/it/E-Shop/Birra/Produttori/Warsteiner-Brauerei-Haus-Cramer-KG.html/it/E-Shop/Birra/Produttori/Abbaye-de-Scourmont.html/it/E-Shop/Birra/Produttori/Abbaye-des-Trappistes-de-Westmalle.html/it/E-Shop/Birra/Produttori/Brassee-en-Belgique-pour-Amstein-SA.html/it/E-Shop/Birra/Produttori/Brasserie-d-Achouffe.html

Prodotto aggiunto al carrello

Visualizzare il carrello » Visualizzare il carrello »
Visitare questa Questo sito utilizza i cookie a fini statistici, per l'ottimizzazione e per scopi di marketing mirati. Continuando a pagina, l'utente accetta di utilizzare i cookie per gli scopi sopra indicati. Per saperne di più.